Loading...
Loading...

OraWorldMandala

150 anni fa, il 2 ottobre 1869, nasceva Mohandas Karamchand Gandhi.  L’esempio della sua vita e il suo pensiero rappresentano ancora oggi un punto di riferimento che alimenta in tutto il mondo l’azione nonviolenta e la speranza di Pace.

E’ ad esso che OraWorldMandala guarda per portare avanti la propria missione volta a diffondere nel mondo la pratica dell’ Ahiṃsā creativa attraverso “l’ArteScienza del Mandala”.  

OraWorldMandala raccoglie infatti nel suo nome
• l’invito a comunicare con la parola latina Ora (dal latino orare «parlare», ma anche «pregare»);
• il mondo unito, con la parola World;
• i principi di armonia universale propri del Mandala.

Un lavoro, partito dall’Italia, che ha unito in un abbraccio India e Messico e che ora si rivolge al resto del mondo per promuovere il sarvodaya (l’economia per il benessere di tutti, nessuno escluso), la pratica dell’Ahiṃsā, con la riconciliazione come primo passo e “l’ArteScienza del Mandala”, rappresentazione unitaria e visibile della Verità, mezzo e fine dell’azione.

Approfondisci l’attività realizzata fino ad oggi dal movimento OraWorldMandala sul sito www.orawolrdmandala.org


OraWorldMandala Italia ha bisogno di te!
Sostienici: IBAN IT61 W033 5901 6001 0000 0143 436
indicando nome, cognome, indirizzo e codice fiscale

"Senza ahiṃsā non è possibile cercare e trovare la verità. Ahiṃsā e Verità sono cosi interconnesse che è praticamente impossibile distinguerle e separarle. Sono come due facce di una moneta, o piuttosto di un disco metallico liscio senza impronte. Chi può dire, qual e il diritto, e quale è il rovescio? Nondimeno Ahiṃsā è il mezzo, la Verita è il fine. I mezzi in quanto mezzi devono essere sempre al centro della nostra ricerca, e cosi Ahiṃsā è il nostro supremo dovere. Se noi ci prendiamo cura dei mezzi, siamo destinati a raggiungere dei risultati prima o poi. Una volta che noi avremo compreso questo punto, la vittoria finale è fuori discussione."

M.K. Gandhi, cit. in J. V. Bondurant, Conquest of Violence. The Gandhian Philosophy of Conflict, Princeton, New Jersey, United States, Princeton University Press, 1958, pp. 24-25.
In collaborazione con:

Si ringraziano Vincenzo Fiorito e Angelica Lena per le immagini e le grafiche e Roberto Antonelli per il supporto tecnico